Twitter Facebook Youtube

Secondo appuntamento per Hand Signed a Firenze

Secondo appuntamento per Hand Signed, la rassegna di musica elettronica e sperimentale, curata da OOH-sounds e Musicus Concentus con Disco_nnect, per una possibile estetica della contemporaneità.
valerio-tricoliVenerdì 17 febbraio in Sala Vanni spazio all’improvvisazione radicale di Valerio Tricoli e alla performance di Heith e Giulio Nocera (ingresso 10/15 €, inizio concerti ore 21:15).
Un concerto quello di Tricoli, eseguito con strumenti elettronici in gran parte analogici (registratori a bobine, sintetizzatore, altoparlanti, microfoni) che privilegia il rapporto multiplo e biunivoco tra il performer, il dispositivo e lo spazio.
La sua ultima release Miseri Lares su PAN (etichetta di Bill Kouligas, già ospite dell’edizione 2016 di Hand Signed), viene descritta come “un album che è una storia piena di elementi provocativi che insieme convergono alla creazione di una allegoria di inquietante bellezza” (Mischa Mathys, the Formant).
Nel corso degli anni Valerio ha collaborato con tantissimi musicisti, compositori, coreografi e artisti multimediali come Thoas Ankersmit, Antoine Chessex, Werner Dafeldecker, Anthony Pateras, Robert Piotrowicz.
Tricoli è inoltre uno dei fondatori dell’etichetta/collettivo Bowindo (“arguably the best thing to come out of Italy since Luigi Nono”,Dan Warburton, The Wire), e del gruppo italiano 3/4HadBeenEliminated, sintesi ardita tra improvvisazione, composizione elettroacustica e sensibilità avant-rock.

Heith (Daniele Guerrini) e Giulio Nocera conducono invece ricerche molto diverse, il primo dedicandosi alla decostruzione delle forme della musica club, l’altro inserendosi nella ricerca della nuova musica concreta. Attivi nella programmazione e produzione musicale (Haunter Records, Macao, La Digestion), ora si incontrano con il desiderio di incastrare le loro storie e i loro suoni. La musica che ne risulta è il frutto di una ricerca che sta in continuo equilibrio fra caos e forma, scrittura e improvvisazione.

Anche in questa occasione saranno le illustrazioni di Jonathan Tegelaars (jonathantegelaars.tumblr.com) ad accompagnare la presentazione grafica di Hand Signed; un lavoro in bilico fra astrazione e composizione tipografica basato sui caratteri e sulla fonetica di alcune parole legate ai temi della rassegna.
Il supporto luci è invece realizzato in collaborazione con Red Lighting, innovativa azienda italiana all’avanguardia nelle tecnologie di alimentazione e gestione wireless delle luci.

Articoli simili