Twitter Facebook Youtube

20 anni di Nobody’s Perfect, il party del Tenax

È il 1999 quando, alla vigilia del nuovo secolo, nasce il Nobody’s Perfect: una delle serate più longeve e conosciute al mondo, che fin dai suoi albori è un punto di riferimento anche per il clubbing più trasgressivo. Il sabato sera del Tenax di Firenze, è famoso in tutta Europa e negli anni lo diviene sempre  di più grazie ad una programmazione, che a tutt’oggi ospita vere e proprie superstar della consolle.
Tra queste: Bob Sinclair, Carl Cox, Dimitri From Paris, Sven Vath, St Germain e poi più tardi The Chemical Brothers, Adam Beyer, Ricardo Villalobos, Nina Kravitz, Peggy Gou, Chris Liebing, solo per citarne una piccolissima parte.  Tutti i nomi più forti della scena internazionale passavano e passano prima dal Tenax.
Sabato 28 settembre Nobody’s Perfect spegne 20 candeline e si regala lo spettacolare live audio visual dei Planet Funk capitanati da Alex Neri, il dj set del leggendario Francesco Farfa, a cui si va ad  aggiungere l’immancabile resident Philipp (apertura porte ore 22:30 – ingresso 18/20/22 €).
Da oltre quindici anni, nominare i Planet Funk rievoca stupende sensazioni. Impossibile non cantare uno dei loro pezzi o restare fermi mentre la radio o la tv continua incessantemente a trasmetterne le vibrazioni. Reduci da un lungo tour che li ha visti impegnati negli ultimi 3 anni su più fronti in giro per l’Europa, il gruppo ha avvertito la necessità di tornare alla sperimentazione che li ha sempre contraddistinti.
Cosi, chiusasi in studio ancora una volta, la band ha preparato il nuovo album, anticipato dall’uscita del singolo “All On Me” (https://open.spotify.com/track/2777kdafu4oI4D8HE57Gab), che ha scalato le più importanti classifiche del pianeta e che ha dato concettualmente anche il nome al tour #AllOnUsClubTour 2019, che vede la band esibirsi in una versione elettronica di se stessa e impegnata in alcuni dei club e festival tra i più importanti al mondo.
In questa nuova evoluzione, la band presenta una inedita versione più elettronica del nuovo album e com- pie  un viaggio tra i più grandi successi degli ultimi 15 anni in chiave dancefloor, avvalendosi della collabora- zione con alcuni dei più grandi producer della scena internazionale, che hanno fortemente voluto contribuire a questo progetto; remixando e rielaborando le canzoni più famose della band.
Sul palco saranno protagonisti lo storico fondatore della band Alex Neri nel ruolo di DVO (director virtual orchestra), Marco Baroni ai synth & tastiere e la voce originale dei grandi successi della band Dan Black. La grande novità di questo tour, sarà la contemporaneità di un futuristico show di luci e mapping che accompagnerà la band durante le esibizioni.Tra le colonne portanti del clubbing italiano spicca il nome di Francesco Farfa. Originario della Toscana, inizia la sua carriera negli anni ’80 esibendosi prima alla Y di Certaldo e poi nelle principali discoteche della regione: Barcaccina di Livorno, Imperiale di Tirrenia, Tartana di Follonica e Insomnia di Pisa. È durante una di queste notti che si dice Francesco sia stato ribattezzato “Farfa”, da “farfalla”; per il modo leggero in cui le sue mani lavorano al mixer e come metafora della sensazione che si prova ai suoi djset. “Svolazzando” da un club all’altro Farfa inizia a crearsi la sua tribù di seguaci e presto allarga i suoi confini con performances anche fuori dall’Italia, a partire da Parigi (dove partecipa alla nascita della Rave Age) e dall’Inghilterra. A fine anni ’90 pubblica quattro release per la sua etichetta Audioesperanto, ma il successo definitivo arriva nel 2005 con l’uscita del suo primo album “Human Bridge”, subito apprezzato da pubblico e colleghi. Da quel momento il sound del dj toscano si fa strada nei più grandi club internazionali, tra cui il Pacha e lo Space di Ibiza, e lo porta a girare tutto il mondo. Un viaggio che si muove tra house e techno e con un tocco di suoni trance, per un’atmosfera magica che ancora oggi colpisce e che difficilmente è inquadrabile sotto un unico genere. Negli ultimi anni ha rilasciato una vasta gamma di dischi e collaborato con artisti come Farmakit, The Pleasure Team e Tony Verdi, oltre che aver prodotto tantissimi remix Caspar Pound, Charlie Hall, Dino Lenny, Robert Armani, Ekova e molti altri.

A fare gli onori di casa Philipp. La carriera del dj fiorentino, storico resident del Tenax, inizia nel 2002 e passa attraverso alcuni dei più rinomati club italiani ed esteri tra cui Cocoricò, Red Zone, Link e Dok Show. La sua visione è però molto più ampia e lo porta a sviluppare assieme all’amico e collega Cole, altro dj di grande influenza nella scena club nazionale, il progetto Fragola, appuntamento di culto per clubbers provenienti da tutta Italia. Dopo circa quindici anni di esperienza dietro la consolle Philipp ha sviluppato un naturale feeling con il suo pubblico grazie ad un eclettismo maturato per essere capace di trasmettere il giusto mood in ogni situazione ricordando sempre che il dj, prima di tutto, è colui che fa divertire e ballare.